12 months ago
  • Share

Intervista ad Alessandro Borghese Featured

Intervista ad Alessandro Borghese Alessandro Borghese Fulvio Dalfelli

La cucina, il Taste of Roma, la TV: il cuoco di Junior MasterChef e 4 Ristoranti si racconta

Era uno degli ospiti più attesi dell’edizione 2017 del Taste of Roma ed è facile capire il perché: Alessandro Borghese non è solo un volto noto della TV. Il pubblico lo conosce per i suoi programmi di successo (da Junior MasterChef a 4 Ristoranti) ma lo ama soprattutto per  il suo approccio autentico alla cucina e al piccolo schermo.

La sua sessione di livecooking è affollatissima: gli spettatori lo osservano preparare una pasta golosa e fragrante. Molti vogliono imparare, altri vorrebbero solo assaggiarla.

Finita la sessione, dobbiamo aspettare i numerosissimi fan in coda per una foto: lui scherza e concede il suo tempo a tutti, nonostante abbia i minuti contati.

 

Come descriveresti la tua cucina?

«Semplice, di gusto, di sapori netti. La definirei il lusso della semplicità.»

 

Che importanza ha avuto la vetrina televisiva per far conoscere il mestiere dello chef al grande pubblico?

«Tantissima. La cucina per fortuna, è diventata come l’arte, la musica, il design. Cucinare è un atto d’amore, un gesto di altruismo e c’è per rimanere. La parte mediatica serve perché allarga gli orizzonti a tante altre cose: è grazie alla televisione che i ragazzi si appassionano a questo mestiere ed è una cosa che prima non esisteva.»

 

I programmi TV, però, si sono moltiplicati negli ultimi anni. Siamo arrivati a un punto di saturazione o c’è ancora qualcosa da raccontare?

«Il punto è che siamo abituati ad abusare di tutto: quando una cosa va, si tende a riproporla anche in modo esagerato. Per quanto riguarda i programmi di cucina c’è sempre qualcosa da raccontare e soprattutto da inventare.»

 

Sei ospite del Taste of Roma: cosa ti piace di questo festival?

«Per prima cosa il luogo: a Roma c’è sempre un clima meraviglioso e il clima è una cosa che soffro molto perché vivo a Milano. Io ho vissuto e cucinato a Roma per una vita. Questo festival, poi, è un luogo di aggregazione, di scambio ed è sempre un piacere incontrarsi con i colleghi.»

 

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

«Ho un progetto televisivo sulla cucina regionale in corso d’opera: sto lavorando con due colleghi, Gennaro Esposito e Cristiano Tomei. Il programma si chiama Cuochi d’Italia ed è una sorta di “girone all’italiana” tra regioni che si sfidano tra di loro, in un format che dura mezz’ora. Partirà a Novembre in preserale su TV8.»

We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…